Domeniche di cielo arruffato

Spiegami il senso delle domeniche senza di te, dei risvegli senza il tuo viso, delle notti senza il tuo corpo. Senza ore da organizzare, cibo da preparare, del letto da rifare. E la camera invasa da un caos informe e sorrisi svolazzanti e baci improvvisi. Ora che è tutto fermo ed anche il cielo arruffato chiede di te, si sveglia a malavoglia con una luce che non convince. 

Ti aspetterò sbuffando, con le ore lente a farmi compagnia. Poi la sera ti stringero’ troppo forte e lo sguardo inarcato ti imbrocera’ il volto. Ti dirò di riprenderti i i respiri, i pensieri accartociati, le ore vuote del tempo sospeso in attesa di te. 

Ti dirò di stare qui, ferma in un semaforo che ti abbaglia gli occhi, a riaccendere il cielo. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...